WhatsApp: 338.868.60.22Canale WhatsApp  
  Live Streaming  Team  Redazione  Archivio  WebTV
Reportweb.tv
Vai all'indice Cronaca / Attualità

Napoli: degrado, menefreghismo e pressappochismo. Gianni Lepre, “l’effetto predatorio della politica. Pienamente d'accordo con il maestro Muti”

(04/08/2021)

Qualche giorno fa ha fatto il giro del web e non solo lo sfogo del maestro Riccardo Muti che, tornando nella sua città per degli impegni conviviali, si è lamentato dello stato di massimo degrado nel quale versa il centro storico partenopeo e la città in generale. Ovviamente i ben pensanti si sono visti bene dall’associare le lamentele del grande direttore d’orchestra, eccellenza napoletana nel mondo, al dibattito elettorale in corso, visti anche i livelli incredibilmente bassi che ha raggiunto la campagna elettorale a Napoli, e si sono limitati ad accusare il colpo addebitando colpe ‘ad capocchiam’ non potendo colpire direttamente i vertici istituzionali.
Sulla questione degrado in città, ed a seguito delle lamentele del maestro Muti, è intervenuto anche Gianni Lepre, opinionista economico del Tg2 Rai e dell’Agenzia di stampa nazionale Italpress: “Sono pienamente in accordo con Riccardo Muti sulla questione da lui sollevata, ma non solo perché attiene strettamente all’economia di questa città, ma soprattutto perché il menefreghismo istituzionale e politico ha generato un indecente biglietto da visita di una delle capitali pù importanti d’Europa”. “La ‘Questione’ Napoli - ha spiegato il noto economista - non ha niente a che vedere con quella ‘Meridionale’, la città partenopea merita un capitolo a se, essendo stata la Capitale di un regno ricchissimo secondo solo a Londra e Parigi”. Lepre ha poi continuato: “Oggi la situazione riguarda l’arte predatoria della politica e dei suoi meccanismi che se da una parte ci fanno intravedere un benessere, dall’altra lo distraggono a fini elettorali; in pratica per avere almeno una speranza dovremmo essere sempre in campagna elettorale”. Il maestro Muti ha perfettamente ragione a lamentarsi del degrado, ma non solo, dico io, ma dell’abbandono, del menefreghismo istituzionalizzato, nel quale versa la nostra città, oggi in preda a malavita e disvalori”. Il prof. Lepre ha poi concluso: “Le colpe? Di tutti indistintamente, da chi esercita il diritto costituzionale di apporre una X su una scheda fino a colui che con quella X va a rappresentare una città ed un popolo che, nel migliore dei casi, ignora. Napoli ha bisogno di ben altro, ma soprattutto ha bisogno di tornare a vivere nella grandezza e ne lustro che le spettano”.

 






Ti è piaciuto l'articolo? Vuoi scriverne uno anche tu? Inizia da qui!

Unicef Campania e comune di Castellammare di Stabia insieme per i diritti dei bambini

A Castellammare di Stabia la VI tappa del Tour Staffetta sui Diritti “Luigi Bellocchio”: la manifestazione, giunta alla V edizione, è stata organizzata dal Comitato Unicef Campania e patrocinata dall’amministrazione comunale ...continua
Reparti volo della Polizia di Stato: da 50 anni nei cieli italiani

Questa mattina, alla presenza del Capo della Polizia – Direttore Generale della Pubblica Sicurezza Prefetto Lamberto Giannini, l’aula briefing del 1° Reparto Volo della Polizia di Stato di Pratica di Mare, è stata intitolata ...continua
Domenica in Sabina alla scoperta delle Gole del Farfa

I progetti “Turismo e Cultura” e “Punto Impresa Digitale” della Camera di Commercio di Rieti Viterbo e dall'Azienda Speciale Centro Italia Rieti consentono la valorizzazione e la conoscenza dei territori...continua
Al via il murale dedicato a Massimo Troisi, nell'omonima piazza. Entro pochi giorni consegnata l'opera a completamento della nuova agora'

  San Giorgio a Cremano, 15 ottobre 2021 - E'iniziato oggi, in piazza Troisi, il murale dedicato al grande Massimo Troisi che decorerà la facciata dell'ex Palazzo Bruno. A realizzare l'opera sono tre giovani artisti che ...continua
Pozzuoli, al via i lavori per ricostruire il muro di protezione dell'area archeologica sottostante il ponte di ferro di via Solfatara

 "Con la delimitazione dell'area cantiere, questa mattina sono iniziati i lavori per la messa in sicurezza e il rifacimento del muro di protezione dell'area archeologica sottostante il ponte di ferro all'imbocco della Variante ...continua


Reportweb.tv ® tutti i diritti sono riservati | Powered by Reportweb
Reportweb.tv. Testata giornalistica on line. Editore A.L.I.A.S. Iscrizione Tribunale di Arezzo N°5 del 29/11/2017.