Live Streaming  Team  Redazione  Archivio  WebTV
Reportweb.tv
Vai all' Indice Storico

Gli incendi devastano Pozzuoli, il sindaco Figliolia: «Abbiamo bisogno di aiuto!». Appello alla Regione e al Governo

14/08/2017 - «Pozzuoli è tra le città maggiormente colpite dalla furia degli incendi estivi. Il nostro territorio è vittima di una mano criminale che non ricorda precedenti. Lo dico e ne sono fermamente convinto. Da due mesi ho chiesto di non abbassare la guardia. Oggi questa terra chiede aiuto».
A dirlo è il sindaco di Pozzuoli Vincenzo Figliolia, dopo l'incendio divampato la notte scorsa nell'area della Solfatara, l'ennesimo sul territorio flegreo.
«È un grido collettivo che si innalza e chiede di salvare quanto ancora è scampato alla furia del fuoco – continua il primo cittadino – Rivolgo innanzitutto un appello al presidente della Regione Vincenzo De Luca e all'assessore Fulvio Bonavitacola: abbiamo bisogno di uomini, mezzi e risorse per recuperare queste immense distese. Hanno incendiato i terreni di Monterusciello. Poi le colline dei Campi Flegrei: monte Barbaro, monte Corvara, monte Russo, Sant'Angelo, il Castagnaro, il cratere Senga, Cofanara, Cigliano, gli Astroni. Subiamo danni ambientali ed urbanistici, come ad esempio quelli avvenuti con la chiusura della Montagna Spaccata, che ha isolato da un lato Quarto, e dall'altro un intero quartiere di Pozzuoli. Ultimo è l'episodio della Solfatara: il nostro vulcano, oasi per tantissimi turisti, distrutto».
Se da un lato il sindaco Figliolia chiede interventi incisivi e veloci, «per ripristinare la normalità e per dare sicurezza a chi vive in questa zona», appellandosi anche al Governo («non possiamo essere lasciati soli!»), dall'altro annuncia la presentazione di una denuncia alla Procura della Repubblica per quanto è avvenuto. «Una denuncia contro ignoti, ma indispensabile per chiedere agli inquirenti di lavorare affinché si possa far luce su dei punti oscuri. Questa terra vive un momento importante, proiettato verso lo sviluppo futuro. Per questo chiedo supporto immediato: non vorrei che potesse prendere forma il disegno di qualcuno intento a non far decollare la nostra città».
«Un appello accorato lo rivolgo anche alla cittadinanza: chi ha visto non taccia – conclude il sindaco di Pozzuoli –. Sarete sostenuti in questa denuncia e protetti. Ma non restate nel silenzio. Fatelo per il futuro dei nostri figli e di noi tutti. Abbiamo ancora qualche polmone verde intatto, come la Foresta di Cuma, il Montenuovo o il Lago d'Averno: preserviamoli e salvaguardiamoli, anche aumentando la presenza delle forze dell'ordine sul territorio».



A Classico Contemporaneo si festeggia Ferragosto col Varietà di Gino De Luca e brindisi finale

Presso il Chiostro del Convento di San Domenico Maggiore di Napoli, martedì 15 agosto 2017 ore 21:30, presenta NUMERI DI VARIETA' di Viviani, Totò, Taranto, Petrolini, Trilussa, con Gino De Luca, regia Roberto Capasso Una sorta di gioco tra attore, ...continua
Pollena Trocchia - Aperte le iscrizioni per l'asilo nido, inizio a metà a settembre

Aperte le iscrizioni all’asilo nido comunale, la struttura sarà attiva a partire dal prossimo 15 settembre. “La Fabbrica del Futuro”, questo il nome dell’asilo che sarà ospitato nella struttura di proprietà comunale intitolata alla memoria di Paolino ...continua
Il leader nazionale dell'Associazione nazionale guardie particolari giurate; "Morti e controlli psichiatrici per colpe altrui"

il leader nazionale dell'Associazione nazionale guardie particolari giurate Giuseppe Alviti lancia l'allarme : tra le divise delle guardie giurate Morti e controlli psichiatrici per colpe altrui. Appare chiaro che l'uso dell'arma di ordinanza e ...continua
Rione Sanità di Napoli - 4 fermi per tentata estorsione a carico di elementi del clan Sequino

I Carabinieri della Compagnia di Napoli Stella hanno dato esecuzione a un fermo di indiziato di delitto, emesso dalla D.D.A. di Napoli, per tentata estorsione aggravata da finalità mafiose nei confronti di 4 soggetti ritenuti affiliati al clan camorristico ...continua
Castellammare di Stabia - arrestato il complice della rapina in gioielleria con fucile a canne mozze

Il 23 marzo a Castellammare 4 balordi rapinarono a mano armata un gioielliere, prima ferito con un taglierino e poi minacciato con un fucile a canne mozze. Tre dei 4 complici furono arrestati dai Carabinieri dell’aliquota operativa della compagnia ...continua


Reportweb.tv ® tutti i diritti sono riservati | Powered by Reportweb
Reportweb.tv. Testata giornalistica on line. Editore A.L.I.A.S. Iscrizione Tribunale di Arezzo N°5 del 29/11/2017.