Live Streaming  Team  Redazione  Archivio  WebTV
Reportweb.tv
Vai all' Indice Storico

Catanzaro - ritenuti responsabili, in concorso tra loro del reato di corruzione per un atto contrario ai doveri d’ufficio; presi dalla Polizia di Stato

28/07/2017 - La Polizia di Stato di Catanzaro ha eseguito un’ordinanza applicativa di misura cautelare degli arresti domiciliari, emessa dal GIP del capoluogo su richiesta della Procura della Repubblica, diretta dal Dott. Nicola GRATTERI, nei confronti di RENDA Nerina, 53 anni di Lamezia Terme e LUCCHINO Salvatore, 73 anni, anch’egli lametino, ritenuti responsabili, in concorso tra loro, del reato di corruzione per un atto contrario ai doveri d’ufficio. Nello specifico, il provvedimento restrittivo giunge al termine di una articolata indagine, svolta dagli uomini della Squadra Mobile, che ha consentito di dimostrare che la RENDA, funzionario in servizio, all’epoca dei fatti, presso l’area IV – Settore Immigrazione Rifugiati - della Prefettura di Catanzaro ha favorito, a fronte di un corrispettivo economico, LUCCHINO Salvatore, imprenditore lametino impegnato nel settore dell’accoglienza ai migranti, gestore della società cooperativa GIANAL, nella instaurazione di un rapporto convenzionale con la Prefettura per la gestione del servizio dei migranti richiedenti protezione internazionale. L’indagine, coordinata dal Sost. Proc. Dott. Paolo PETROLO, del gruppo reati contro la pubblica amministrazione coordinato dal Proc. Aggiunto Dott. Giovanni BOMBARDIERI, prendeva infatti le mosse a seguito della stipula, in data 29 dicembre 2014, di una convenzione tra la GIANAL SRL e la Prefettura, all’esito della gara d’appalto bandita per l’assegnazione del descritto servizio e consentiva di accertare che il LUCCHINO aveva stretto una relazione con la RENDA, che all’epoca svolgeva le funzioni sopra descritte; emergeva poi che, in costanza del rapporto con l’Ente pubblico, nel giugno 2015, il LUCCHINO cedeva alla RENDA un immobile sito nel Comune di Feroleto Antico (CZ). Ulteriori approfondimenti davano modo di acclarare che la RENDA partecipava attivamente, all’espletamento della procedura di gara indetta dalla Prefettura di Catanzaro in data 14 luglio 2014, anche ponendo in essere sopralluoghi e ispezioni presso la predetta struttura del LUCCHINO che volutamente e strumentalmente risultavano essere positivi. Lo svolgersi delle investigazioni metteva infine in risalto il ruolo della RENDA - nel frattempo destinata ad altro incarico dall’amministrazione di appartenenza - in seno alle imprese del compagno, quale amministratore “di fatto” del centro. Si è verificato, inoltre, che quale compenso della condotta agevolatrice della RENDA, il LUCCHINO oltre a cederle la proprietà dell’immobile di Feroleto Antico (CZ), per il quale il GIP ha emesso un decreto di sequestro preventivo, le prometteva, a più riprese, la corresponsione di ulteriori somme di denaro.



Crotone tra le provincie italiane con meno reati informatici

  Secondo un’analisi condotta da DAS, compagnia di Generali Italia specializzata nella tutela legale, la Calabria è tra le regioni con la più bassa densità di crimini informatici. Tra 2010 e 2015 questi reati sono cresciuti dell’86% nella provincia ...continua
Villa Literno, arrrestata nigeriana per spaccio

  I Carabinieri della Stazione di Villa Literno, in ottemperanza all’ordine di esecuzione per espiazione pena in regime di detenzione domiciliare, emesso dall’ufficio esecuzioni penali della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli,  ...continua
Paestum – L'Alto Comando dell'Arma dei Carabinieri commemora l'appuntato Tiziano della Ratta

Nella sua Paestum il il generale Carmine Adinolfi, nativo della Città dei Templi, che dopo 49 anni si accinge a lasciare il servizio e che in quell'anno era Comandante della Legione Carabinieri Campania, ha fortemente voluto la targa in memoria della ...continua
Partito a Castellabate il Centro Antiviolenza sulle donne del Piano di zona Ambito S8 (VIDEO)

Partito a Castellabate il Centro Antiviolenza sulle donne del Piano di zona Ambito S8 che svolge gratuitamente servizi di accoglienza, ascolto, sostegno psicologico, consulenza legale ed organizza anche campagne di sensibilizzazione sul tema presso le ...continua
Ciro Borriello sindaco, Urban Center in campo per i rischi nelle aree interessate dagli incendi

Attenzione puntata sulle aree devastate dagli incendi che hanno interessato nelle settimane scorse il Vesuvio e soprattutto sui possibili rischi idrogeologici. Per questo motivo l’amministrazione comunale guidata dal sindaco Ciro Borriello, nell’ambito ...continua


Reportweb.tv ® tutti i diritti sono riservati | Powered by Reportweb
Reportweb.tv. Testata giornalistica on line. Editore A.L.I.A.S. Iscrizione Tribunale di Arezzo N°5 del 29/11/2017.