WhatsApp: 338.868.60.22Canale WhatsApp  
  Live Streaming  Team  Redazione  Archivio  WebTV
Reportweb.tv
Vai all'indice Cronaca

A Stabiae una nuova campagna di scavi condotta dal Museo Ermitage

Continua l’indagine dell’ambiente 71 di villa Arianna iniziata lo scorso anno

Nel complesso archeologico di Villa Arianna a Stabiae continua, per il nono anno consecutivo, il progetto di scavo e restauro condotto dal Museo Statale Ermitage di San Pietroburgo sotto la direzione scientifica del Parco Archeologico di Pompei e con il coordinamento della Fondazione RAS (Restoring Ancient Stabiae). Al centro di questo progetto l’ambiente 71 dell’antica villa: un criptoportico probabilmente in fase di rifunzionalizzazione prima dell’eruzione nel 79 d.C.

Le indagini condotte sul lungo corridoio, già in parte oggetto di un intervento di pulitura e restauro nell'estate 2017, hanno confermato che l'intero ambiente nel XVIII secolo, a conclusione delle campagne di scavo condotte dai Borbone, fosse stato utilizzato come area di discarica di una gran quantità di elementi provenienti da vari settori di Villa Arianna.

"Tra i tanti materiali rinvenuti - come affermano il dott. Alexander Butyagin archeologo del Museo Ermitage e del dott. Paolo Gardelli, ricercatore dell’Università LMU di Monaco di Baviera e archeologo RAS, responsabili del progetto - vanno ricordati i numerosi resti di anfore contenenti calce, due ollette di terracotta al cui interno si conservavano ancora tracce di pigmenti rossi e verdi e un abbondante accumulo di laterizi tritati. Tutti chiari indizi di come questo settore del complesso abitativo fosse interessato, al momento dell'eruzione del 79 d.C., da una serie di interventi ricostruttivi probabilmente riconducibili all'evento sismico del 62 d.C. che aveva già colpito tutta l'area vesuviana".

L'elemento di maggiore interesse emerso nel corso della campagna di scavo dell'anno scorso è stato il rinvenimento di un tratto integro del crollo di parte del soffitto e dei resti dello strato di intonaco dell'incannucciata dell’ambiente 71.

Il progetto dell'estate 2018 ha previsto l’estensione verso sud (su ulteriori 30 mq), degli interventi iniziati nella scorsa stagione, al fine di acquisire maggiori informazioni sulle dinamiche di scavo del XVIII secolo e sullo stato di questo settore della villa negli istanti immediatamente precedenti la sua distruzione nel 79 d.C. Il gruppo di lavoro, composto da 13 archeologi e restauratori di nazionalità russa e italiana, è stato impegnato sia in attività di scavo e restauro sia nello studio preliminare dei numerosi materiali rinvenuti nello strato di rinterro borbonico.

“Siamo immensamente grati della possibilità dataci dal Parco Archeologico di Pompei - afferma il dott. Alexander Butyagin – e ringraziamo anche la Fondazione RAS per il supporto fornito, perché poter lavorare su questa villa è un dato molto significativo per i nostri studi scientifici. In questi nove anni di progetti, che tra le altre cose hanno contribuito all’apertura ai visitatori del settore termale di Villa Arianna, per la prima volta il Museo Ermitage ha potuto realizzare uno scavo di una villa romana, e dare, cosi, anche un contributo alla preservazione di un sito archeologico di straordinaria bellezza”.






Ti è piaciuto l'articolo? Vuoi scriverne uno anche tu? Inizia da qui!

Pozzuoli: per derubare signora manda lei e marito in ospedale

I Carabinieri della Stazione di Pozzuoli insieme a colleghi della locale aliquota Radiomobile dopo veloci indagini e attività di ricerca hanno individuato e catturato il 27enne G. R., di Monteruscello, già noto alle FFOO, ritenuto ...continua
Napoli - giovane ferito a una gamba con un colpo di pistola, in pieno centro

Alle 05.00 circa di stamattina, domenica 23 settembre, un 20enne del quartuere Mercato è giunto al pronto soccorso del Vecchio Pellegrini con una ferita d’arma da fuoco a una gamba. Il giovane ha raccontato ai Carabinieri della ...continua
Procida tra gli Itinerari culturali e dei siti UNESCO della Città Metropolitana di Napoli

Venerdì 21 settembre il Vice Sindaco Titta Lubrano ha partecipato alla presentazione del libro sugli itinerari culturali e dei siti UNESCO in cui è presente anche Procida grazie al lavoro che sta portando avanti con la Città ...continua
Forum PolieCo, “Reati ambientali, coordinare informazioni per avere indagini incisive”

“Dobbiamo imparare a mettere in rete le informazioni che ogni singola Procura o Prefettura riesce a recepire in merito di incendi negli impianti di trattamento dei rifiuti e di reati ambientali in genere”. L’invito che suona come ...continua
Cronaca. Bacoli - Barano d’Ischia - San Giuseppe Vesuviano - Napoli

San Giuseppe Vesuviano: Carabinieri arrestano 33enne. In casa sua hashish, cocaina e materia per il taglio I Carabinieri della Stazione di San Giuseppe Vesuviano hanno tratto in arresto Tommaso Gabriele Boccia, 33 anni, residente a Terzigno, già ...continua


Reportweb.tv ® tutti i diritti sono riservati | Powered by Reportweb
Reportweb.tv. Testata giornalistica on line. Editore A.L.I.A.S. Iscrizione Tribunale di Arezzo N°5 del 29/11/2017.