WhatsApp: 338.868.60.22Canale WhatsApp  
  Live Streaming  Team  Redazione  Archivio  WebTV
Reportweb.tv
Vai all'indice Cronaca

Cronaca. Casavatore - San Sebastiano al Vesuvio - San Gennaro Vesuviano - Ercolano

Casavatore. carabinieri forestali sequestrano tintoria. si operava senza rispettare le norme a tutela dell’ambiente

I carabinieri del nucleo investigativo di polizia ambientale, agroalimentare e forestale di Napoli insieme a colleghi del nucleo tutela lavoro, hanno effettuato controlli per contrastare reati ambientali e lavoro nero a casavatore, ove hanno sottoposto a sequestro immobili e attrezzature di una società in via Leonardo Da Vinci operante nel trattamento di tintoria/lavanderia e finissaggio di capi di abbigliamento.

Denunciata la legale rappresentante, una 68enne del luogo. è ritenuta responsabile di deposito incontrollato di rifiuti pericolosi e non derivanti dal ciclo produttivo, scarichi ed emissioni in atmosfera in difformità dalle autorizzazioni, realizzazione di opere edilizie senza concessioni.

Sottoposti a sequestro un corpo di fabbrica con struttura metallica e platea di cemento armato su superficie di 170 mq. circa, 3 cabine di spruzzo a secco, 2 compressori, un essiccatore, altro corpo di fabbrica di 140 mq. in parte adibito a deposito e garage, un deposito di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi, consistenti in residui di prodotti chimici utilizzati nel ciclo produttivo e olio esausto.

Sigilli anche per 2 postazioni per la spruzzatura e 3 lavatrici industriali risultati non ricadenti nel provvedimento di autorizzazione alle emissioni in atmosfera e planimetria impianto.

Sul luogo i militari del nucleo tutela lavoro hanno scoperto la presenza di un operaio “a nero”.





San Sebastiano al Vesuvio: Carabinieri travestiti da operai arrestano 2 emissari del clan: stavano imponendo il “pizzo” a un cantiere per lavoro pubblico
I carabinieri della stazione di San Sebastiano al Vesuvio insieme a colleghi del nucleo operativo della compagnia di Torre del Greco hanno tratto in arresto per estorsione aggravata dal metodo mafioso 2 soggetti del luogo già noti.
Si tratta di un 22enne e un 36enne ritenuti attigui al locale clan camorristico dei “Piscopo”.
Si erano recati in un cantiere edile e si erano fatti consegnare 1.500 euro in denaro contante, somma pattuita con il titolare della ditta edile, chiesta in precedenza per conto del clan.
ad attenderli c’erano i carabinieri, travestiti da operai, che hanno li hanno bloccato e tratti in arresto nonostante un tentativo di fuga dei 2 a bordo di una vettura.
Recuperata e restituita all’avente diritto la somma appena pagata. A seguito di perquisizione i due sono stati trovati in possesso di altri 1.520 euro che portavano in un borsello. La somma è stata sequestrata perché ritenuta provento di attività delittuosa (su questo aspetto sono in corso indagini per risalire alla provenienza).
Gli arrestati sono stati tradotti nella casa circondariale di Poggioreale.

 




 

 

Ercolano - gufo reale indiano tenuto in condizioni contrarie alla sua natura: i militari della CITES di Napoli denunciano il titolare di un negozio e sequestrano l’esemplare
I Carabinieri Forestali del nucleo CITES di Napoli hanno effettuato controlli in un esercizio commerciale di vendita animali nell’agro di Ercolano per verificare la tracciabilità e la corretta detenzione di un rapace notturno della specie Bubo Bengalensis (Gufo Reale Indiano), una specie vulnerabile tutelata dalla convenzione di Washington.
Il controllo, eseguito insieme a personale medico veterinario del Centro Recupero Animali Selvatici della ASL NA1, è stato effettuato a seguito di segnalazione circa i modi di detenzione incompatibili con la natura del rapace. sul posto i militari hanno riscontrato che effettivamente l’animale era in una struttura di vetro e alluminio ed esposto alla costante luminosità dei neon del negozio, senza un appoggio che gli consentisse di aggrapparsi, privo di una zona di riparo (indoor) e di arricchimento ambientale. Di conseguenza viveva costretto a un atteggiamento innaturale, obbligato a mantenersi in posizione eretta sul fondo della teca in condizione di costante flessione delle zampe.
I militari hanno proceduto al sequestro dell’esemplare e al suo affidamento al centro recupero animali selvatici (CRAS) della ASL NA1- Frullone di Napoli.
Il titolare del punto vendita è stato denunciato.

San Gennaro Vesuviano: un arresto per droga
I carabinieri della stazione di San Gennaro Vesuviano hanno arrestato Gennaro La Marca, un 32enne del luogo già noto 
durante un servizio di osservazione organizzato nei pressi della sua abitazione i militari sono intervenuti a seguito della cessione di una stecca di hashish a un acquirente, che è stata sequestrata.
A seguito di perquisizioni, personale e domiciliare, i militari hanno poi rinvenuto e sequestrato altre 5 stecche di hashish (per un totale di circa 8,5 grammi), un coltello a serramanico e 35 euro in denaro contante ritenuti provento di attività illecita.
l’arrestato attende il rito direttissimo.






Ti è piaciuto l'articolo? Vuoi scriverne uno anche tu? Inizia da qui!



Reportweb.tv ® tutti i diritti sono riservati | Powered by Reportweb
Reportweb.tv. Testata giornalistica on line. Editore A.L.I.A.S. Iscrizione Tribunale di Arezzo N°5 del 29/11/2017.