WhatsApp: 338.868.60.22Canale WhatsApp  
  Live Streaming  Team  Redazione  Archivio  WebTV
Reportweb.tv
Vai all'indice Economia

Sciopero 23 marzo, confermato il sit-in a Piazza Montecitorio dalle 9 alle 15:

Si allarga la protesta per riaprire le GaE e avere un contratto vero

Negli ultimi giorni hanno aderito all’iniziativa Anief altri sindacati che si aggiungono ai tantissimi docenti e Ata che nel giorno dell'inizio della XVIII legislatura si fermeranno per reclamare modifiche al contratto su aumenti, precariato, ricostruzione di carriera, mobilità, potenziamento: a capitanare la protesta saranno le maestre e maestri con diploma magistrale, per chiedere a gran voce la riapertura urgente delle Graduatorie ad esaurimento e il superamento della sentenza in adunanza plenaria 11/2017. Il malessere della categoria ha raggiunto livelli altissimi: a giugno scadono 45mila contratti sottoscritti ad inizio anno dai docenti inseriti con riserva nelle GaE e c’è il pericolo di non rinnovarli, mentre continuano a rischiare il licenziamento altre 6 mila maestre assunte con riserva a tempo indeterminato, nonostante abbiano superato l'anno di prova come le altre 2 mila maestre immesse in ruolo grazie a otto sentenze del Consiglio di Stato passate in giudicato. L'unica soluzione rimane un decreto legge urgente che riconosca a tutto il personale con abilitazione l'inserimento nelle GaE, ovvero nel doppio canale utile per le immissioni in ruolo, alla luce anche dei tanti posti vacanti e disponibili, peraltro, coperti con continue supplenze dagli stessi aspiranti. A marzo, invece, è stato firmato un contratto sulla mobilità che non soddisfa, preceduto dall’accordo per il rinnovo del Ccnl per il triennio 2016/18 che prevede aumenti tre volte inferiori all'inflazione e arretrati tredici volte più bassi, non riconosce la parità di trattamento tra personale precario e di ruolo, non chiarisce il servizio prestato in organico di potenziamento e ostacola i trasferimenti, a dispetto delle pronunce della Cassazione.

Marcello Pacifico (Anief-Cisal): Sono tutte note negative che per Anief devono essere assolutamente mutate attraverso un intervento della politica che cambi radicalmente la Legge 107/15 e trovi le risorse finanziarie adeguate non stanziate dall'ultima Legge 205/17 di Bilancio di fine anno, in modo da coprire almeno l'inflazione programmata registrata negli ultimi dieci anni. Così come urge una soluzione legislativa che riapra le GaE a tutti gli abilitati e tuteli i maestri assunti a tempo indeterminato e determinato con diploma magistrale. È già stato fatto due volte, nel 2008 e nel 2012. A questo servirà la mobilitazione, con manifestazione di piazza il 23 marzo, nel giorno dell'avvio dei lavori di Camera e Senato, che segue allo sciopero dell'8 gennaio: va mandato un segnale forte a chi si accinge ad entrare in Parlamento.



Sono attesi tantissimi docenti e Ata nel giorno dell'inizio della XVIII legislatura per reclamare modifiche al contratto su aumenti, precariato, ricostruzione di carriera, mobilità, potenziamento e moltissime maestre e maestri con diploma magistrale pronti a chiedere a gran voce la riapertura urgente delle Graduatorie ad esaurimento e il superamento della sentenza in adunanza plenaria n. 11/2017. Negli ultimi giorni, hanno aderito allo sciopero Anief anche sindacati di base e autonomi. Il malessere della categoria ha raggiunto livelli altissimi. A giugno, infatti, scadono 45mila contratti sottoscritti ad inizio anno scolastico dai docenti inseriti con riserva nelle Graduatorie ad esaurimento e c’è il serio pericolo di non rinnovarli, mentre continuano a rischiare il licenziamento altre 6 mila maestre assunte con riserva a tempo indeterminato, nonostante abbiano superato l'anno di prova come le altre 2 mila maestre immesse in ruolo grazie a otto sentenze del Consiglio di Stato passate in giudicato.

L'unica soluzione rimane quella legislativa: un decreto legge urgente che riconosca a tutto il personale in possesso dell'abilitazione l'inserimento nelle GaE, ovvero nel doppio canale utile per le immissioni in ruolo, alla luce anche dei tanti posti vacanti e disponibili, peraltro, coperti con continue supplenze dagli stessi aspiranti. A marzo, invece, è stato firmato un contratto sulla mobilità che non soddisfa, preceduto dall’accordo per il rinnovo del contratto collettivo nazionale di lavoro per il triennio 2016/18 che prevede aumenti tre volte inferiori all'inflazione e arretrati tredici volte più bassi, non riconosce la parità di trattamento tra personale precario e di ruolo, non chiarisce il servizio prestato in organico di potenziamento e ostacola i trasferimenti, a dispetto delle le pronunce della Suprema Corte di Cassazione.

“Sono tutte note negative che per Anief devono essere assolutamente mutate – ricorda Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal - attraverso un intervento della politica che cambi radicalmente la Legge 107/15 e trovi le risorse finanziarie adeguate non stanziate dall'ultima Legge 205/17 di Bilancio di fine anno, in modo da coprire almeno l'inflazione programmata registrata negli ultimi dieci anni. Così come urge una soluzione legislativa che riapra le GaE a tutti gli abilitati e tuteli i maestri assunti a tempo indeterminato e determinato con diploma magistrale. È già stato fatto due volte, nel 2008 e nel 2012”.

“A questo servirà la mobilitazione, con manifestazione di piazza, del prossimo 23 marzo, nel giorno dell'avvio dei lavori di Camera e Senato, che fa seguito allo sciopero dell'8 gennaio: bisogna mandare un segnale forte a chi si accinge ad entrare in Parlamento, perché si affrontino una volta dei problemi seri non più procrastinabili”, conclude il sindacalista Anief-Cisal.Dunque, confermato il sit-in a Piazza Montecitorio dalle 9.00 alle 15.00.

Il giovane sindacato invia infine un appello a tutti i docenti e Ata che non ce la fanno più a subire e che desiderano fare entrare il diritto nella loro scuola: prima del 13 marzo possono candidarsi direttamente on line con Anief #perunascuolagiusta e successivamente votare Anief in occasione delle prossime elezioni RSU previste dal 17 al 19 aprile.


 






Ti è piaciuto l'articolo? Vuoi scriverne uno anche tu? Inizia da qui!

Qualiano. Puc e bando per il cimitero

QUALIANO - Con apposita delibera di giunta - riunitasi oggi per la prima volta - l’esecutivo De Leonardis ha licenziato il Piano Urbanistico Comunale (PUC). I neo assessori hanno preso atto della documentazione del PUC, attualmente in essere, ...continua
Fincantieri, cerimonia per il taglio lamiera della seconda di tre navi da crociera commissionate da Virgin Voyages

Trieste, 20 luglio 2018 – Si è svolta oggi presso lo stabilimento di Sestri Ponente (Genova) la cerimonia per il taglio lamiera della seconda di tre navi da crociera commissionate a Fincantieri da Virgin Voyages, brand del Gruppo Virgin. N...continua
Castellammare, Rientrata la questione legata alla mancata erogazione delle quattordicesime ai dipendenti dell’Am Tecnology

Rientrata la questione legata alla mancata erogazione delle quattordicesime ai dipendenti dell’Am Tecnology del cantiere di Castellammare di Stabia. “Si è trattato - si legge in una nota pervenuta dalla sede amministrativa dell’az...continua
Fincantieri, Il Governo degli Stati Uniti assegna la costruzione di quattro unità Multi-Mission Surface Combatants

Trieste, 20 luglio 2018 – Il Governo degli Stati Uniti ha assegnato al consorzio guidato da Lockheed Martin, del quale fa parte Fincantieri Marinette Marine (FMM), un ordine con lo strumento della Undefinitized Contract Action, come anticipo ...continua
Agenzia Entrate, trasferimento di sede dell’Ufficio di Casoria

L’Ufficio territoriale delle Entrate di Casoria dal prossimo 23 luglio lascia temporaneamente la sede di via Padula 138 per trasferirsi a Napoli, presso l’Ufficio territoriale di Napoli 1, sito in via G. Oberdan 1-3. Lo spostamento ...continua


Reportweb.tv ® tutti i diritti sono riservati | Powered by Reportweb
Reportweb.tv. Testata giornalistica on line. Editore A.L.I.A.S. Iscrizione Tribunale di Arezzo N°5 del 29/11/2017.