WhatsApp: 338.868.60.22Canale WhatsApp  
  Live Streaming  Team  Redazione  Archivio  WebTV
Reportweb.tv
Vai all'indice Cultura

17 e 18 febbraio andrà in scena al Nest Napoli Est Teatro, TVATT

Teorie Violente Aprioristiche Temporali e Territoriali Uno spettacolo ideato da Luigi Morra, liberamente ispirato a "East" e "West" di Steven Berkoff


Picchiare, battere, fare "a mazzate". TVATT è acronimo di Teorie Violente Aprioristiche Temporali e Territoriali, ed è il titolo dello spettacolo che il 17 e il 18 febbraio sarà in scena al NEST Napoli Est Teatro. Lo spettacolo scritto e diretto da Luigi Morra che lo interpreta al fianco di Eduardo Ricciardelli e Pasquale Passaretti è un lavoro liberamente ispirato a East e West di Steven Berkoff, che racconta una questione globale prendendo le mosse da un contesto circoscritto; quella violenza primordiale, che Berkoff rintracciava nei sobborghi londinesi, viene ora catapultata, attraverso espressioni rituali, dialetto campano, posture improbabili ed episodi di vita,  in una dimensione fatta di gioco, autoironia e denuncia.  La violenza delle risse e della sopraffazione viene raccontata, spiegata e ridicolizzata fino a farsi  lirica del quotidiano. Il lavoro che interpreta l’inconscio della rabbia e dell’impotenza di chi assiste e di chi subisce la violenza, si avvale del contributo video Domenico Catano e delle musiche dei Camera che, lo scorso anno, hanno pubblicato il disco con la colonna sonora dello spettacolo.

Prodotto da Etérnit in collaborazione con Teatraltro, TVATT nasce nel 2014 con un promo studio presentato al festival Lunarte di Carinola. Nel 2015 debutta a Roma in forma di spettacolo per replicare successivamente in diverse città e contesti. Un progetto diventato una sorta di format in continua evoluzione e sviluppo, che per il 2018,  dopo Napoli, farà tappa il 22 febbraio a Salerno in occasione della rassegna OUT OF BOUNDS, e poi ancora a  marzo, impegnerà la compagnia in un tour promosso da Società Dante Alighieri Anversa,  che farà tappa al Tehater Het Klokhuis di Anversa, all' Istituto Italiano di Cultura di Bruxelles  e all' Istituto italiano di Cultura di Amsterdam.  

 

Regista 

 

Luigi Morra ha 36 anni. Nel 2002 si diploma a Roma presso la Scuola Internazionale di Teatro. Continua la formazione frequentando stage e seminari in Italia e all’estero. Nel 2005 partecipa come attore al Festival dedicato a W.Gombrowicz, a Lublino (Polonia), con “Slub” diretto da Sebastiano Deva. Nel 2006 scrive e interpreta la performance “Di Vani Tentativi”, con cui è primo classificato al “Thalia Festival” (Roma), terzo a “Cortoconcorso” (Roma), e finalista al festival di corti teatrali “In Breve” (Firenze). Nel 2008 partecipa al “Progetto Interregionale Teatro” di Nuovo Teatro Nuovo, percorso formativo artistico coordinato da Pino Carbone; con quest’ultimo inizia un periodo di collaborazione, lavorando in qualità di attore e aiuto regia per diverse produzioni e alla conduzione di percorsi creativi e didattici. Fonda nel 2008, con altri artisti, l'Associazione Etérnit, con cui produce gran parte dei suoi progetti.  Nel 2012 cura la regia di “Mai più fedele” con gli attori vincitori del “Premio Lunarte”. Nello stesso anno cura la performance della tappa nella città di Mondragone di “Caravan. Artists on the road”. Sempre nel 2012, con il monologo “Binario 2: sotto la panca la capra crepa” scritto da Pasquale Passaretti, si aggiudica il premio “Special Off al “Roma Fringe Festival” replica in diversi città anche all'estero.  Per il festival di poesia "Verso Libero", nella Città di Fondi, ha curato nel 2015 la regia della performance di apertura su un testo inedito del poeta Claudio Damiani e nel 2017 ha diretto lo spettacolo itinerante "Fuoco", ispirato al romanzo "Amore e morte" di Libero de Libero. Conduce laboratori teatrali in diversi contesti, è docente della scuola di recitazione Action Pro di Roma. Ideatore di iniziative culturali, collabora alla direzione artistica del festival Lunarte, ed è stato coordinatore in Campania di MArteLive. Con i musicisti Agostino Pagliaro, Marco Pagliaro e Antonio Arcieri porta avanti il progetto musicale “Camera” con cui ha realizzato due lavori discografici. Come attore ha all’attivo esperienze anche con cinema, video e tv.

 

 






Reportweb.tv ® tutti i diritti sono riservati | Powered by Reportweb
Reportweb.tv. Testata giornalistica on line. Editore A.L.I.A.S. Iscrizione Tribunale di Arezzo N°5 del 29/11/2017.