WhatsApp: 338.868.60.22Canale WhatsApp  
  Live Streaming  Team  Redazione  Archivio  WebTV
Reportweb.tv
Vai all'indice Economia

Il PD non vuole riaprire le GaE: così si assume la responsabilità del licenziamento di 6 mila maestre, senza risolvere il problema del precariato

È curioso il fatto che lo stesso partito nella passata legislatura si era impegnato, con una risoluzione, ad assumere anche le diplomate magistrale dopo aver aperto per ben due volte, con un emendamento, le vecchie graduatorie permanenti. Il presidente Anief in un’intervista ribadisce la necessità di un decreto legge per far incontrare domanda ed offerta. Bisogna anche ripristinare i moduli nella primaria dove tra il 1999 e il 2009 si giunse ai più alti livelli di apprendimento dei nostri bambini.

La notizia, diffusa da Orizzonte Scuola, riporta la ferma decisione del Partito Democratico di continuare a tenere blindate le Graduatorie ad Esaurimento, nonostante scioperi, manifestazioni, ricorsi. Lo afferma Simona Malpezzi che nel sostenere le ragioni delle docenti laureati in Scienze della formazione primaria dimentica come il suo stesso partito si sia dimenticato di esse, lasciando fuori dal reclutamento sia le docenti laureate dal 2012, sia quelle diplomate entro il 2002.

Marcello Pacifico (Anief-Cisal: Non si comprende per quale motivo il Partito Democratico perseveri su questa linea, contraddicendo la politica di apertura delle Gae a tutto il personale abilitato sostenuta nella precedente legislatura. Nella XVI, infatti, ben due volte le GaE sono state aperte ai docenti abilitati precari, prima con la Legge 30 ottobre 2008, n. 169 e poi con la Legge 24 febbraio 2012, n. 14 grazie a due emendamenti presentati dai democratici e suggeriti dall’Anief. Proprio a seguito di queste riaperture, nel 2012, era stata presentata una risoluzione a firma dell’attuale capogruppo in VII Commissione, on. Coscia, che chiedeva di garantire la parità di trattamento nell’assunzione delle laureate in SFP e delle diplomate magistrale.

L’Anief, che aveva già riscontrato la mancanza di volontà a trovare una soluzione politica immediata nel territorio italiano, per questi motivi qualche giorno fa ha presentato un reclamo collettivo al Consiglio d'Europa, finalizzato a ribaltare quella decisione, sostenendo che la violazione del giudicato operata dal Consiglio di Stato fa il paio con la violazione sistematica da parte del Governo italiano della normativa comunitaria sui contratti a termine e della carta sociale europea. E anche per questi motivi ha organizzato scioperi e manifestazioni che si concluderanno con l’inizio della nuova legislatura: il 23 marzo a Roma, davanti al Parlamento, nel giorno dell’insediamento delle nuove Camere.






Non si risolve la questione del precariato, eliminando le graduatorie ad esaurimento, quando i precari sono chiamati dalle graduatorie d’istituto, in base alla scelta fortunata delle venti scuole, e non potranno essere mai assunti. La stessa fase transitoria prevista soltanto per le superiori è finalizzata a creare nuove graduatorie ad esaurimento regionali, non certo ad assumere le laureate in Scienze della formazione primaria o a evitare il licenziamento di 6 mila maestre già assunte a tempo indeterminato o a garantire la chiamata degli attuali 50 mila supplenti.

Le dichiarazioni rese dalla responsabile scuola del PD - che riporta la ferma decisione del Partito Democratico di continuare a tenere blindate le Graduatorie ad Esaurimento, nonostante scioperi, manifestazioni, ricorsi - confermano l’indirizzo politico che ha portato lo scorso dicembre alla sorprendente sentenza n.11/2017 del 20 dicembre 2017 del Consiglio di Stato in adunanza plenaria, con cui il massimo organo della giustizia amministrativa ha stravolto il giudicato formatosi con altre sette sentenze.

Secondo Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal, “non si comprende per quale motivo il Partito Democratico perseveri su questa linea, contraddicendo la politica di apertura delle Gae a tutto il personale abilitato sostenuta nella precedente legislatura. Nella XVI, infatti, ben due volte le GaE sono state aperte ai docenti abilitati precari, prima con la Legge 30 ottobre 2008, n. 169 e poi con la Legge 24 febbraio 2012, n. 14 grazie a due emendamenti presentati dai democratici e suggeriti dall’Anief. Proprio a seguito di queste riaperture, nel 2012, era stata presentata una risoluzione a firma dell’attuale capogruppo in VII Commissione, on. Coscia, che chiedeva di garantire la parità di trattamento nell’assunzione delle laureate in SFP e delle diplomate magistrale”.

 

 






Ti è piaciuto l'articolo? Vuoi scriverne uno anche tu? Inizia da qui!

Qualiano. Puc e bando per il cimitero

QUALIANO - Con apposita delibera di giunta - riunitasi oggi per la prima volta - l’esecutivo De Leonardis ha licenziato il Piano Urbanistico Comunale (PUC). I neo assessori hanno preso atto della documentazione del PUC, attualmente in essere, ...continua
Fincantieri, cerimonia per il taglio lamiera della seconda di tre navi da crociera commissionate da Virgin Voyages

Trieste, 20 luglio 2018 – Si è svolta oggi presso lo stabilimento di Sestri Ponente (Genova) la cerimonia per il taglio lamiera della seconda di tre navi da crociera commissionate a Fincantieri da Virgin Voyages, brand del Gruppo Virgin. N...continua
Castellammare, Rientrata la questione legata alla mancata erogazione delle quattordicesime ai dipendenti dell’Am Tecnology

Rientrata la questione legata alla mancata erogazione delle quattordicesime ai dipendenti dell’Am Tecnology del cantiere di Castellammare di Stabia. “Si è trattato - si legge in una nota pervenuta dalla sede amministrativa dell’az...continua
Fincantieri, Il Governo degli Stati Uniti assegna la costruzione di quattro unità Multi-Mission Surface Combatants

Trieste, 20 luglio 2018 – Il Governo degli Stati Uniti ha assegnato al consorzio guidato da Lockheed Martin, del quale fa parte Fincantieri Marinette Marine (FMM), un ordine con lo strumento della Undefinitized Contract Action, come anticipo ...continua
Agenzia Entrate, trasferimento di sede dell’Ufficio di Casoria

L’Ufficio territoriale delle Entrate di Casoria dal prossimo 23 luglio lascia temporaneamente la sede di via Padula 138 per trasferirsi a Napoli, presso l’Ufficio territoriale di Napoli 1, sito in via G. Oberdan 1-3. Lo spostamento ...continua


Reportweb.tv ® tutti i diritti sono riservati | Powered by Reportweb
Reportweb.tv. Testata giornalistica on line. Editore A.L.I.A.S. Iscrizione Tribunale di Arezzo N°5 del 29/11/2017.