WhatsApp: 338.868.60.22Canale WhatsApp  
  Live Streaming  Team  Redazione  Archivio  WebTV
Reportweb.tv
Vai all'indice Cronaca

Castellammare, pagamento del “pizzo” intimato con smartphone: i 2 estorsori raggiunti da un'ordinanza di custodia cautelare in carcere

Un libero vigilato 33enne già noto alle ffoo e imparentato con personaggi legati al clan camorristico dei “D’Alessandro” il 19 dicembre si era presentato insieme a un complice 18enne al titolare di un Bar della centralissima piazza Giovanni XXIII esibendo uno smartphone sul quale stava aperta in bellavista l’applicazione per gli SMS.
Aveva sporto il telefono al titolare dell’esercizio pubblico mostrando un messaggio chiarissimo:- “vengo a nome di Scanzano, dammi 1.500 euro per i carcerati”.
A Castellammare dire “vengo a nome di Scanzano”, la roccaforte dei D’Alessandro, significa chiaramente di essere lì per conto del clan.
Al rifiuto del barista il 33enne si era appropriato dei soldi contenuti nella cassa (circa 200 euro) annunciando che sarebbe tornato il giorno dopo a prendere il resto.
I Carabinieri della Compagnia e della Stazione di Castellammare di Stabia, nel frattempo intervenuti d’urgenza a seguito di richiesta di aiuto al 112, avevano bloccato e sottoposto a controlli tutti.
Il 33enne era stato trovato in possesso dei soldi appena presi dalla cassa. Il complice 18enne, invece, aveva un revolver a salve uguale a quelli veri infilato nella cintola dei pantaloni.
I 2 erano stati arrestati e tradotti in Carcere.
Questa mattina i Carabinieri hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP di Napoli su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia partenopea a carico dei 2 indagati.
La DDA li ritiene responsabili di concorso in estorsione aggravata dal metodo mafioso e ha chiesto l’ordinanza che i militari dell’arma hanno immediatamente eseguito nella casa circondariale, ove i 2 estorsori erano rinchiusi dal 19 dicembre.






Ti è piaciuto l'articolo? Vuoi scriverne uno anche tu? Inizia da qui!

Campagna di attività per contrastare il bracconaggio in provincia di Napoli nei giorni di preapertura della caccia

I militari del Nucleo Carabinieri CITES di Napoli (specializzati nella repressione dei reati connessi al commercio di specie esotiche e in via d’estinzione, al contrasto del fenomeno del bracconaggio e dei reati in danno degli animali) hanno ...continua
Napoli: il Generale Ferla in visita al Gruppo Carabinieri per la Tutela Ambientale

Dopo l’assunzione del nuovo incarico al vertice del Comando Carabinieri per la Tutela Ambientale di Roma, il Generale di Brigata Maurizio Ferla è giunto visita alla Caserma “Appuntato Raffaele Russo” sede del Gruppo Carabinieri ...continua
Il comune di Castellabate istituisce il registro del testamento biologico

L’amministrazione di Castellabate, guidata dal sindaco Costabile Spinelli, viste le disposizioni di Legge sul Testamento Biologico ha istituito il registro comunale delle Disposizioni Anticipate di Trattamento (DAT). La giunta comunale ha ...continua
Colle Sannita. Minaccia sua vicina di casa; arrestato

Nel primo pomeriggio del 15.09.2018 i Carabinieri della Stazione di Colle Sannita, coadiuvati dal Nucleo Operativo della Compagnia di San Bartolomeo in Galdo, hanno eseguito una misura di custodia cautelare in carcere nei confronti di un 33enne ...continua
Brusciano, perquisizioni dei carabinieri. Arresti e sequestri di droga

Gennaro Guardasole, 38enne e Vincenzo Pistuggia, 35enne, entrambi di Brusciano e già noti alle forze dell’ordine, sono stati notati e bloccati dai carabinieri di Brusciano e Marigliano su via De Filippo, subito dopo aver ceduto alcune ...continua


Reportweb.tv ® tutti i diritti sono riservati | Powered by Reportweb
Reportweb.tv. Testata giornalistica on line. Editore A.L.I.A.S. Iscrizione Tribunale di Arezzo N°5 del 29/11/2017.