WhatsApp: 345.974.22.56Canale WhatsApp  
  Live Streaming  Team  Redazione  Archivio
Reportweb.tv
Vai all'indice Politica

La Tari a Napoli è calcolata in maniera giusta, parola di Panini



Il Sottosegretario al MEF Pier Paolo Baretta, rispondendo ad una interrogazione parlamentare, ha confermato che in molti Comuni si è verificata un'errata interpretazione della legge di primo livello, secondo la quale la Tari, per la parte variabile, va applicata soltanto all'abitazione e non anche alle pertinenze, cosa che molti comuni non hanno fatto.

“Napoli – dichiara l’Assessore al Bilancio Enrico Panini - ( a differenza di altre Città) applica in maniera corretta la tassa di rifiuti, non aggravando in modo ingiusto il peso del tributo sui propri contribuenti”

L'applicazione regolamentare della Tares (2013) e della Tari (dal 2014 in poi) a Napoli risulta, pertanto, conforme alle norme statali.

La determinazione degli importi dovuti per le pertinenze alle abitazioni è già applicata attraverso la semplice estensione metrica della casa, con l'azzeramento della quota legata al numero di occupanti.

Si ricorda che il tributo dal 2013 risulta suddiviso per le utenze domestiche in 2 quote:

– variabile, determinata in base al numero di componenti il nucleo familiare che occu

pano l'abitazione;

– fissa, determinata in base all'estensione della superficie imponibile.

Gli Uffici tributari di Napoli pertanto calcolano per box , cantinole, depositi e tettoie soltanto la quota fissa (metri quadrati), computando la quota variabile una sola volta nell'abitazione.

“I cittadini napoletani – conclude l'Assessore – possono stare tranquilli. Nessun addebito ingiusto risulta essere stato a loro richiesto.”






Reportweb.tv ® tutti i diritti sono riservati | Powered by Reportweb
Reportweb.tv di Carmine Cascone. Testata giornalistica on line. Sede Via Tavernola 124/a Castellammare di Stabia Iscrizione Tribunale di Arezzo N°1 del 05.02.2010.