WhatsApp: 345.974.22.56Canale WhatsApp  
  Live Streaming  Team  Redazione  Archivio
Reportweb.tv
Vai all'indice Cultura

Bacoli, VII edizione del festival di teatro indipendente TeatrisenzaEtichetta

Venerdì 15 settembre, sabato 16 settembre e domenica 17 settembre alle ore 21.00 andrà in scena la . Sul palco allestito all'aperto, nel giardino della comunità Dedalo a Bacoli, si assisterà a tre spettacoli di compagnie provenienti da diverse realtà italiane, per vivere insieme tre serate di teatro all'insegna della condivisione e contro l'emarginazione sociale.

Ad aprire la rassegna venerdì 15 settembre sarà Sogni in compresse, spettacolo scritto e diretto da Roberta Serretiello e Maura Perrone, presidente e direttrice artistica dell’associazione Luna Rossa. Dopo aver partecipato durante lo scorso anno alle rassegne di teatro Efestoval e Teatro Popolare, il laboratorio permanente Teatro Possibile presenta il suo spettacolo al pubblico di Teatri senza etichetta, affrontando il tema surreale di un mondo impossibilitato a sognare, ma che è disposto a tutti i costi a ricreare l’universo onirico per rivivere le emozioni provate durante i propri sogni.

Sabato 16 settembre Teatro Patologico di Roma presenta Tutti non ci sono, scritto, diretto e interpretato da Dario D’Ambrosi, fondatore e direttore artistico dell’associazione capitolina. Il Teatro Patologico di D’ambrosi è presente da sempre sulla scena teatrale internazionale, portando sul palcoscenico spettacoli dal forte impatto emotivo, guidati dalla filosofia che vede nell’arte teatrale un mezzo per l’elaborazione dei più profondi stati d’animo. Tutti non ci sono ha debuttato nel ‘79 a New York e da allora ha continuato a rappresentare con successo il delicato tema della pazzia, giungendo quest’anno al palco della rassegna bacolese.

A chiudere il festival domenica 17 settembre sarà lo spettacolo Spart e capisc della Compagnia Sociale Teatrale Immaginaria, atto finale del Laboratorio “LovEarth through art”. Si tratta di un teatro itinerante interpretato dai beneficiari degli Sprar Caritas di Petruro Iprino e di Chianche, diretti da Claudio D’Agostino. Il progetto è nato in due comuni tra i più piccoli della Campania che hanno ospitato migranti provenienti da varie parti del mondo, diventando perfetto esempio di integrazione e accoglienza. Spart e capisc, oltre a essere uno spettacolo di successo, è la dimostrazione di come il teatro sia un linguaggio universale che elimina le distanze, rappresentando storie e persone che seppur diverse tra loro hanno in sé qualcosa dell’altro.

Gli spettacoli avranno tutti inizio alle ore 21.00 e l’ingresso è gratuito.






Reportweb.tv ® tutti i diritti sono riservati | Powered by Reportweb
Reportweb.tv di Carmine Cascone. Testata giornalistica on line. Sede Via Tavernola 124/a Castellammare di Stabia Iscrizione Tribunale di Arezzo N°1 del 05.02.2010.