Menu Pagine
TwitterRssFacebook
Menu Categorie

Postato da il 18 Mag 2014 in Articoli, Cultura, Eventi, Musica, Primo Piano, Teatro

Giancarlo Giannini e Giovanni Bellucci incantano al Ravello Festival. LE FOTO

Giancarlo Giannini e Giovanni Bellucci incantano al Ravello Festival. LE FOTO

Evento d’autore, ieri sera, a Ravello, con Giancarlo Giannini e Giovanni Bellucci che propongono, prima assoluta per il pubblico, “Sogno di una notte di mezza estate”. Lo spettacolo è caratterizzato dal connubio tra la musica di Beethoven, Rossini, Alkan e di altri e i testi del poeta inglese William Shakespeare

[SlideDeck2 id=125496]

Servizio e foto di Giovanni Somma

Nelle intenzioni del pianista Giovanni Bellucci lo spettacolo ” Sogno di una notte di mezza estate” , prima assoluta presentata al pubblico nell’incantevole cornice di Ravello, nasce come tentativo di rivivere l’intensità primordiale di capolavori sonori assoluti di grandi musicisti quali Beethoven, Chopin, Rossini e altri, associandoli alla lettura di brani di William Shakespeare ad opera di Giancarlo Giannini. L’intento è quello di omaggiare il grande drammaturgo e poeta inglese in occasione del 450° anniversario della sua nascita. Quando, poi, la realizzazione pratica supera ogni più rosea aspettativa si può dire che il Ravello Festival 2014, che aprirà i battenti il prossimo 21 Giugno, cominci con un’anteprima d’autore. Un programma di più di un’ora, pensato senza soluzione di continuità, a rendere sempre più forte e palpabile il pathos scaturente dai virtuosismi musicali di Bellucci e dalla maestria oratoria di Giannini. Dalla “Tempesta” di Beethoven al “Notturno in Sol minore” di Chopin, dall’ “Enrico VIII” al “Monologo di Jago” dell’ Otello, passando per il “Nessun maggior dolore” di Liszt, lo “Scherzo in Si minore” di Alkan, il “Monologo di Puck” nella Ballata di Mezza Estate, la “Parafrasi sulla marcia nuziale” di Mendelsshon. Pubblico in visibilio che ha mostrato di gradire molto l’esperimento musicale e che ha tributato il giusto riconoscimento ai due Artisti, riservando loro un lungo e caloroso applauso finale.